[Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

 :: Forum :: Gdr

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Fealoro il Gio Ago 20, 2009 2:16 pm

Beh, la tematica principale di Lovecraft è il terrore cosmico, e secondo me lo puoi giocare solo dalla parte dell'umano che si trova a fronteggiare un delirio inimmaginabile. L'investigazione è una cosa che viene dopo (anzi è una cosa nata proprio dal gioco RdC più che dalle ambientazioni di Lovecraft). La parte del cultista mi sembra poco adatta a rappresentarlo.

A me piacerebbe che non fosse necessario leggere tutti i libri per rendere l'ambientazione, cioè io vorrei che fossero le regole ad aiutarmi a rendere l'ambientazione. E' possibile questo? Non lo so. Finora non mi è mai capitato, però chissà..

Su Gurps Cuba, ricroda che la CA, per come è spiegata nel sistema, è una attitudine che emerge su una campagna, non su una o due giocate. Dal mio punto di vista Gurps ti permette di fare entrambe le cose, ma va ben settato il sistema di regole che usi. La parte più GAM del sistema è nella creazione del personaggio, e il rischio è di ottenere personaggi competitivi ma poco realistici. Siccome alla fine l'avventura è realistica un giocatore con in testa un tipo di GAM semplice (o semplicistico) potrebbe essere spiazzato perchè il suo personaggio cecchino muore di fame nella giungla, nonostante sia in grado di centrare una moneta a 1km di distanza. A quel punto è necessario l'intervento del master nella creazione del personaggio, per dare le indicazioni di quali punteggi sono accettabili e quali no. Però in realtà anche questa è parte del sistema.
avatar
Fealoro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo http://utopia.forumattivo.net

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Suna il Gio Ago 20, 2009 2:30 pm

Allora GURPS non dovrebbe avere la parte GAM così pericolosamente invasiva. Ecco la sua incoerenza. Se il sistema permette di creare personaggi competitivi ma poco realistici, c'è un problema. Ovvero che la scheda è fatta di risorse, valori da usare a proprio vantaggio, come il buon D&D ha insegnato.
Qui non ti so dire che cosa un gioco SIM dovrebbe avere. Non ne conosco di validi. Non è che ci sia alcunché di male ad avere personaggi competitivi. Ci può stare in un SIM se è coerente con l'ambientazione. Se però rischia di essere poco realistico, va a cozzare proprio con quell'ambientazione -e addio al SIM.
Se fosse un gioco NAR, avresti temi anziché risorse. Vedi le schede di AiPS e Cani. Sono quintessenziali esempi del concetto, al punto che in Cani puoi avere un tratto che dice "sono eccezionalmente bravo a nuotare" ma con solo 2d4 assegnati. Significa solo che sarà poco rilevante narrativamente nei conflitti che ti prefiggi di affrontare.
avatar
Suna

Location : Shangri-L.A.
Data d'iscrizione : 21.04.09

Visualizza il profilo http://www.chiseledgear.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Fealoro il Gio Ago 20, 2009 3:10 pm

Infatti già ti dissi che alla fin fine devo riconoscere CnV è costruito bene come regolamento.

Tornando a Gurps però tieni conto che il regolamento è un toolkit, e quindi puoi prendere le regole che ti interessano e poi porre i limiti che ti interessano. Cioè ci si può metter d'accordo per salvaguardare il realismo (no abilità e caratteristiche sopra il 15 ad esempio) e comunque fare una gestione ottimale delle risorse. Cioè puoi creare un personaggio realistico e competitivo. Però il master ha risorse tendenzialmente infinite, a causa del realismo. Quindi il giocatore che tiene alla competizione può ritenere che il confronto sia comunque impari, perchè se le risposte del sistema devono rimanere verosimili, il realismo ti porta a non avere mai una competizione fair.
avatar
Fealoro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo http://utopia.forumattivo.net

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Leandro il Gio Ago 20, 2009 5:22 pm

Il problema è che tu giochi in una giungla dovresti mettere obbligatorie delle capacità che ti servono per sopravvivere. Questo fa parte della CA che ti proponi e non vedo incoerenza.

Lovecraft? Domanda: quante volte si incontra Cthulhu (fisicamente nel senso che si vede) in tutti i racconti di Lovecraft? Mai.
Quante volte un personaggio vuole diventare una divinità? Mai (i desideri sono più banali tipo vivere per sempre)
Allora siamo sicuri che le CA che dicevi tu Suna siano Simulazioniste nel senso che vogliono simulare l'idea di Lovecraft piuttoston che quello che noi abbiamo tratto da Lovecraft? (Non dimentichiamo il fattore umano)
Mentre il discorso di porre al centro l'orrore cosmico io lo vedrei Narrativista perschè ho un topos centrale sul quale baso il gioco (come sono i dubbi morali in CnV).
Tanto per fare un ragionamento. Che ne pensate?


Ultima modifica di Leandro il Ven Ago 21, 2009 8:26 am, modificato 1 volta

_________________
Mirò, quasi in teatro od in agone,
l'aspra tragedia de lo stato umano:
i vari assalti e 'l fero orror di morte,
e i gran giochi del caso e de la sorte.

Avatar: Rogier Van der Weyden (1400 circa - giugno 1464) - "San Michele pesa la anime"
particolare dal polittico del "Giudizio universale" (anno 1450-51) - Hotel Dieu, Beaune
avatar
Leandro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Fealoro il Ven Ago 21, 2009 6:20 am

Il problema è che tu giochi in una giungla dovresti mettere obbligatorie delle capacità che ti servono per sopravvivere. Questo fa parte della CA che ti proponi e non vedo incoerenza.

Ma la CA in questo caso è di tipo SIM, non GAM. Inoltre per catalogare un gioco cerchi le regole o le situazioni che giocano a sfavore di una determinata CA, piuttosto che quelle a favore.
avatar
Fealoro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo http://utopia.forumattivo.net

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Antonio il Ven Ago 21, 2009 6:45 am

Leandro ha scritto:Il problema è che tu giochi in una giungla dovresti mettere obbligatorie delle capacità che ti servono per sopravvivere. Questo fa parte della CA che ti proponi e non vedo incoerenza.

non ho capito bene la frase ma perché per giocare in una giungla dovresti avere abilità che ti permettono di sopravvivere?

potresti anche usare solo: "il medaglione con la foto di Beth"

"sto per impazzire"
"il mio amico 'ndugu"
avatar
Antonio

Età : 37
Location : Padova
Data d'iscrizione : 27.04.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Fealoro il Ven Ago 21, 2009 6:50 am

Credo che qui Leandro stia parlando di applicare il sistema di Gurps ad una CA GAM (e SIM contemporaneametne, ho l'impressione).

Quindi non c'entrano le istanze narrative che proponi


quindi basta birra alle 8 di mattina, Antonio, non ti fa bene Wink elephant
avatar
Fealoro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo http://utopia.forumattivo.net

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Antonio il Ven Ago 21, 2009 6:52 am

ok infatti avevo premesso che la frase no mi era chiara e non avevo chiaro il contesto Smile

scusasseme (maledetta birra)
avatar
Antonio

Età : 37
Location : Padova
Data d'iscrizione : 27.04.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Fealoro il Ven Ago 21, 2009 7:03 am

Mi sono reso conto di una cosa. Gurps forselo puoi usare con intento GAM, se ti metti d'accordo prima sulle risorse che ha a disposizione il Master. Limita molto la parte simulativa, ma non così tanto. Alla fin fine è sufficiente che il master disponga dello stesso numero di punti e/o personaggi dei giocatori e li giochi seguendo le stesse regole. L'importante è mettersi d'accordo in anticipo. In genere dovrebbe permette di creare istanze di gioco simil-gamista in una campagna per certi versi simulazionista.
Esempio: GURPS:Cuba. Siete dei rivoluzionari. Nel mezzo della guerriglia siete alle prese con un gruppo di soldati scelti mandati dal capitano Mosquera. Se i soldati scelti sono costruiti seguendo le stesse linee guida dei PG parte dell'avventura si rivela una sfida tattico-strategica tra master e giocatori. Se è chiaro fin dall'inizio che si tratta di questo (e quindi non arriverà all'improvviso un attacco aereo) la struttura GAM potrebbe reggere, pur mantenendo un intento Simulativo in tutta la campagna.

Però a questo punto ci vuole il parere di qualcuno esperto di gioco GAM.
avatar
Fealoro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo http://utopia.forumattivo.net

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Suna il Ven Ago 21, 2009 8:09 am

Ah perbacco. Mi è venuto in mente un gioco puramente SIM.

Houses of the Blooded
(vi prego di non far caso alla grafica del sito, è da mal di pancia...)
Un gioco talmente immersivamente SIM che l'intero manuale viene presentato come un trattato di antropologia di questa antichissima civiltà, i ven.
Wick, l'autore (che ha scritto in passato anche Legend Of The Five Rings e in seguito è stato fortissimamente influenzato dai giochi indie) lo presenta come l'anti-D&D. Laddove D&D parla di eroi senza un passato e senza connessioni, che fanno avventure solitarie e le città al massimo sono dei dungeon all'aperto o poco più, e che raramente entrano in contatto con i potenti di una città se non per ricevere quest; HOTB parla di nobili, facenti parte di un'aristocrazia legata da complessi rituali sociali, di giochi di potere, tradimenti e vendette.
E' talmente SIM che quando si è al tavolo, secondo il manuale, ci si dovrebbe comportare come dei nobili ven. Se non lo fai, perdi punti di Stile che durante il gioco ti servono molto. Se ti squilla il cellulare, ecco che perdi Stile. Si deve bere rigorosamente vino rosso, usare luci artificiali il meno possibile, ecc. ecc.
Più SIM di così si muore, per quanto mi riguarda...
avatar
Suna

Location : Shangri-L.A.
Data d'iscrizione : 21.04.09

Visualizza il profilo http://www.chiseledgear.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Suna il Ven Ago 21, 2009 8:18 am

Beh dipende. Lì è perché GURPS non è poi così coerentemente SIM, tant'è che si è tentati di giocarlo GAM e funziona altrettanto bene. Ergo è incoerente. Questo perché ok, le meccaniche simulano bene la casualità della realtà, ma ci vuole sinergia per fare di quella l'AGENDA CREATIVA del gruppo e non un semplice contesto in cui muoversi per vincere o per creare una bella storia (GAM e NAR). L'esempio che faccio qui sopra di Houses of the Blooded, quello è un vero SIM. Ed è coerentissimo. Può non piacere, ma se è il realismo che vuoi, HOTB te lo impone. E con violenza pure.

Leandro ha scritto:Lovecraft? Domanda: quante volte si incontra Cthulhu (fisicamente nel senso che si vede) in tutti i racconti di Lovecraft? Mai.
Quante volte un personaggio vuole diventare una divinità? Mai (i desideri sono più banali tipo vivere per sempre)
Allora siamo sicuri che le CA che dicevi tu Suna siano Simulazioniste nel senso che vogliono simulare l'idea di Lovecraft piuttoston che quello che noi abbiamo tratto da Lovecraft? (Non dimentichiamo il fattore umano)

No infatti. Scusa, non volevo proporre giochi SIM per Lovecraft. Io lo trovo assolutamente inappropriato. Lovecraft non scriveva per creare un mondo coerente, ma per sviluppare un tema riassunto nella sua celebre frase "il sentimento più antico e radicato nel genere umano è la paura, e la paura più grande è quella dell'ignoto". Da cui l'orrore inconoscibile, immenso, al di là del bene e del male, che schiaccia gli umani senza nemmeno accorgersene, senza crudeltà. Tant'è che "L'Orrore di Dunwich" era considerato da Lovecraft uno dei suoi peggiori fallimenti, in quanto qui l'orrore era maligno. Ora, proporre un tema è una cosa che fa il narrativismo, non il simulazionismo.
Trail of Cthulhu vuole risolvere i bug micidiali del Richiamo di Cthulhu, ma come è stato detto, non si avvicina a Lovecraft davvero. Credo che un gioco che lo faccia non ci sia... per lo meno io non lo conosco.
avatar
Suna

Location : Shangri-L.A.
Data d'iscrizione : 21.04.09

Visualizza il profilo http://www.chiseledgear.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Leandro il Ven Ago 21, 2009 8:41 am

Per Antonio:
Io parlavo solo di intento SIM in GURPS ed in genere.
Semplificando se voglio giocare il Rinascimento ad esempio dovrò avere un personaggio nobile che sa leggere e scrivere mentre il contadino saprà coltivare ed allevare e questo indipendentemente dal tipo di "avventura" che vai a giocare.
Cioè la cosiddetta caratteristiche dei personaggi saranno indipendenti da cosa è "utile" o meno all'avventura che si va a giocare. Semplicemnete perchè nella storicizzazione quei personaggi erano così.
Questo credo faccia parte della CA che uno si propone e di cosa ha deciso di esplorare nell'intento SIM. O no?

Adesso il problema è se il regolamento ti costringe a fare ciò. Penso che ciò sia vero solo per un regolamento appositamente creato. Gurps come dice Fealoro è un contenitore generico al quale apportare correttivi per adattarlo alla situazione e renderlo coerente. Per questo io non vedo incoerenza. Cioè dico, lo sai prima no, quindi è tutto ok. Però magari mi sbaglio

Per Suna:
Premesso che nessuno deve toccami il RdC e che tu Suna hai perso...Smile
supponiamo io scelga di simulare il mondo di Lovecraft non come descritto nei suoi racconti, ma come è presentato nel regolamento di RdC stesso il mondo lovecraftiano. Siamo sicuri che la CA non sia SIM ed il regolamento sia ancora incoerente?
Che ne pensi?

_________________
Mirò, quasi in teatro od in agone,
l'aspra tragedia de lo stato umano:
i vari assalti e 'l fero orror di morte,
e i gran giochi del caso e de la sorte.

Avatar: Rogier Van der Weyden (1400 circa - giugno 1464) - "San Michele pesa la anime"
particolare dal polittico del "Giudizio universale" (anno 1450-51) - Hotel Dieu, Beaune
avatar
Leandro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Fealoro il Ven Ago 21, 2009 9:33 am

Per Suna:
Premesso che nessuno deve toccami il RdC e che tu Suna hai perso...
supponiamo io scelga di simulare il mondo di Lovecraft non come descritto nei suoi racconti, ma come è presentato nel regolamento di RdC stesso il mondo lovecraftiano. Siamo sicuri che la CA non sia SIM ed il regolamento sia ancora incoerente?
Che ne pensi?

Credo, ma aspetto correzione, che questo rientri nella definizione "celebrazione del sistema", in cui per l'appunto l'intento simulativo è quello di simulare esattemente l'atmosfera del gioco, e nient'altro. Però dubito che siò sia un vero intento creativo. O forse intendevi qualcos'altro.

@Suna: Io ho HOTB che simula una certa atmosfera, che però non è quella che cerco.
Io voglio simulare la guerriglia cuban (o la guerriglia in generale mettendo come colore il fatto che siamo a cuba). Cosa posso usare? Dubito ci siano giochi coerenti così specifici, C'e' una via d'uscita? (Attenzione, è una domanda, non voglio assolutamente essere ironico o cercare il flame)
avatar
Fealoro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo http://utopia.forumattivo.net

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Suna il Ven Ago 21, 2009 9:42 am

No no, certo, non ti peroccupare, non trapelava nessuna ironia.
Hmmmmm... no, giochi specifici che facciano quello che vuoi non ne conosco, almeno non nella categoria SIM. Ricordo vagamente un gioco intitolato Shellshock che aveva come tematica gli stress post traumatici da combattimento. Oppure c'è Grey Ranks.
Non so, perché non lo crei tu un gioco? Ma che cos'ha di significativo la rivolta cubana? Che cosa la rende divertente da giocare? Cosa vuoi ottenere da quel setting?

Per Suna:
Premesso che nessuno deve toccami il RdC e che tu Suna hai perso...
supponiamo io scelga di simulare il mondo di Lovecraft non come descritto nei suoi racconti, ma come è presentato nel regolamento di RdC stesso il mondo lovecraftiano. Siamo sicuri che la CA non sia SIM ed il regolamento sia ancora incoerente?
Che ne pensi?

RdC è il massimo dell'incoerente, disfunzionale e quella parola che non posso dire in questo forum. Perché è un gioco gamista con regole gamiste e impostazioni gamiste. Ma poi si propone di parlare di orrori inconcepibili e di mistero, investigazione, ecc. Ergo intento e regole cozzano.
Per non parlare del fatto che puoi farlo investigativo quanto vuoi, un tiro sbagliato in un'investigazione rovina tutto e il master è costretto a barare se è importante che i giocatori trovino l'indizio.
Se proprio vuoi giocare RdC con l'intento che RdC ha e non raggiunge assolutamente, piuttosto ti direi di giocare Trail of Cthulhu. Almeno è un gioco investigativo che funziona. RdC non è nè carne nè pesce. Se sei bravo a illuderti che ti stai divertendo giocandolo, continua pure Smile
avatar
Suna

Location : Shangri-L.A.
Data d'iscrizione : 21.04.09

Visualizza il profilo http://www.chiseledgear.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Leandro il Ven Ago 21, 2009 10:21 am

Ok, la mia però era una domanda filosofica non su RdC direttamente.
E' vero, secondo me, che l'intento è SIM, ma il gioco è incoerente perchè lo puoi giocare GAM, ma ignorando alcune regole però come la follia.
Ma se io gioco puramente il regolamento e l'ambientazione che esso propone (ovvero non come Lovecraft pensa, ma come l'hanno pensata i creatori)? Forse il discorso cambia?

P.S: cmq se uno si diverte, non si illude di divertirsi, si diverte e basta. Però l'incoerenza in RdC può esistere e difatti io gioco solo con certi resupposti/master a RdC.

_________________
Mirò, quasi in teatro od in agone,
l'aspra tragedia de lo stato umano:
i vari assalti e 'l fero orror di morte,
e i gran giochi del caso e de la sorte.

Avatar: Rogier Van der Weyden (1400 circa - giugno 1464) - "San Michele pesa la anime"
particolare dal polittico del "Giudizio universale" (anno 1450-51) - Hotel Dieu, Beaune
avatar
Leandro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Suna il Ven Ago 21, 2009 10:42 am

Mmmm... o giochi il regolamento, o l'ambientazione in RdC. I più giocano l'ambientazione. Non puoi giocare tutti e due contemporaneamente. E' come avere un gioco con le regole di D&D e l'ambientazione e il presupposto di Cani nella Vigna...
Se giochi il regolamento non farai uno studioso dal fisico gracile e con abilità come antropologia, ecc. Perchè sai che fai subito una brutta fine. Se giochi il regolamento fai una specie di commando, e come tu sai benissimo, gli dai una bandoliera di shotgun.
avatar
Suna

Location : Shangri-L.A.
Data d'iscrizione : 21.04.09

Visualizza il profilo http://www.chiseledgear.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Leandro il Ven Ago 21, 2009 10:45 am

Sì hai ragione su questo punto. Bisognerebbe riscirvere l'ambientazione perchè si adatti al regolamento o viceversa.
In pratica si può quindi dire che la coerenza del gioco sta nel binomio regolamento-ambientazione ed in quant il regolamento di lascia-obbliga fare per rispettare l'ambientazione (che poi pè la def. di coerenza o no?)

_________________
Mirò, quasi in teatro od in agone,
l'aspra tragedia de lo stato umano:
i vari assalti e 'l fero orror di morte,
e i gran giochi del caso e de la sorte.

Avatar: Rogier Van der Weyden (1400 circa - giugno 1464) - "San Michele pesa la anime"
particolare dal polittico del "Giudizio universale" (anno 1450-51) - Hotel Dieu, Beaune
avatar
Leandro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Whitedreamer il Ven Ago 21, 2009 10:51 am

il regolamento non dice "prendi l'arma + potente che c'è e dalla a pg"

non dice nemmeno che devi per forza avere un'arma

non dice nemmeno "mettiti tutte le caretteristiche a 18"

non dice nemmeno "le classi che puoi fare sono "soldato, soldato, mmmh soldato e poi soldato"

anzi le classi "fisiche" che puoi fare sono 2 (mi pare) polizziotto e soldato, tutte le restanti classi sono classi per nulla "fisiche" anzi

poi se tu vuoi "leggere" dal regolamento quel che vuoi te... beh allora parliamo di 2 cose diverse
avatar
Whitedreamer

Età : 37
Data d'iscrizione : 16.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Leandro il Ven Ago 21, 2009 10:55 am

Anche Whitedreamer non ha torto però...

_________________
Mirò, quasi in teatro od in agone,
l'aspra tragedia de lo stato umano:
i vari assalti e 'l fero orror di morte,
e i gran giochi del caso e de la sorte.

Avatar: Rogier Van der Weyden (1400 circa - giugno 1464) - "San Michele pesa la anime"
particolare dal polittico del "Giudizio universale" (anno 1450-51) - Hotel Dieu, Beaune
avatar
Leandro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Whitedreamer il Ven Ago 21, 2009 10:59 am

aggiungo anche

se a te interessa che il pg resti vivo fino alla fine... anche questo non è scritto nel regolamento anzi
il regolamento è settato perché i personaggi muoiano con un soffio di vento... se a te giocatore in partenza non sta bene che il tuo personaggio possa morire allora sei tu giocatore a non voler seguire come è scritto il regolamento e a non volerlo giocare simulazionista... ma il gioco simula fin troppo bene
usando la pazzia, usando l'alta mortalità come i normali umani siano terrorizzati e impotenti di fronte a l'orrore cosmico


aggiungo per leandro (riguardo al discorso fatto ieri)
H.P Lovecraft
Il Richiamo di Cthulhu
-1 L'orrore d'argilla
-2 Il racconto dell'ispettore Legrasse
-3 La follia Venuta dal Mare


Ultima modifica di Whitedreamer il Ven Ago 21, 2009 11:03 am, modificato 1 volta
avatar
Whitedreamer

Età : 37
Data d'iscrizione : 16.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Suna il Ven Ago 21, 2009 11:02 am

Purtroppo ce l'ha (torto). Il sistema ti mette dei mezzi a disposizione che tu ti senti incoraggiato a prendere in un'ottica gamista, perché le regole funzionano in quell'ottica.

Voglio dire, cos'è significativo in un gioco che simuli l'orrore di Cthulhu? Gli shotgun sono significativi? I giubbotti antiproiettile sono significativi? In un racconto di Lovecraft trovi mai personaggi che usano arti marziali? Tutta quella roba può benissimo venire eliminata, ognuna di quelle cose venire usata -se proprio devi- come semplici strumenti narrativi ininfluenti in quello che vuoi ottenere con il gioco. In Non Cedere Al Sonno puoi avere a disposizione un carro armato. Non cambia niente: tirerai sempre disciplina, sfinimento e follia. Perché l'uso di carri armati non è significativo. Il gioco non parla di quello. Se li introduci non aspettarti che siano altro che una cosa di narrazione. Allo stesso modo in cui i conflitti morali in D&D non sono significativi. Nessuno ti impedisce di giocarli, ma non ci sono meccaniche che li supportino. E' perfettamente coerente.

Però se mi metti delle cose nel gioco e poi mi dici "non usarle, non è coerente con l'ambientazione", mi stai indicando un errore del gioco, non mio. E se le uso ho ragione. Il gioco dice che posso.
avatar
Suna

Location : Shangri-L.A.
Data d'iscrizione : 21.04.09

Visualizza il profilo http://www.chiseledgear.blogspot.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Whitedreamer il Ven Ago 21, 2009 11:28 am

Suna ha scritto:Purtroppo ce l'ha (torto). Il sistema ti mette dei mezzi a disposizione che tu ti senti incoraggiato a prendere in un'ottica gamista, perché le regole funzionano in quell'ottica.

Voglio dire, cos'è significativo in un gioco che simuli l'orrore di Cthulhu? Gli shotgun sono significativi? I giubbotti antiproiettile sono significativi? In un racconto di Lovecraft trovi mai personaggi che usano arti marziali? Tutta quella roba può benissimo venire eliminata, ognuna di quelle cose venire usata -se proprio devi- come semplici strumenti narrativi ininfluenti in quello che vuoi ottenere con il gioco. In Non Cedere Al Sonno puoi avere a disposizione un carro armato. Non cambia niente: tirerai sempre disciplina, sfinimento e follia. Perché l'uso di carri armati non è significativo. Il gioco non parla di quello. Se li introduci non aspettarti che siano altro che una cosa di narrazione. Allo stesso modo in cui i conflitti morali in D&D non sono significativi. Nessuno ti impedisce di giocarli, ma non ci sono meccaniche che li supportino. E' perfettamente coerente.

Però se mi metti delle cose nel gioco e poi mi dici "non usarle, non è coerente con l'ambientazione", mi stai indicando un errore del gioco, non mio. E se le uso ho ragione. Il gioco dice che posso.

attento alle parole "incoraggiare" e "permettere" sono cose diverse... molto diverse
tant'è che sinceramente parlando int utte le volte che ci ho giocato... credo di aver visto 1 o 2 volte un soldato
e inoltre a che titolo un gioco come quello può essere chiamato simulazionista se non ti permette di simulare un uomo armato?

continuando... avere un shotgun cambia ai fini della storia? credi veramente che uno dei qualsiasi orrori cosmici possa essere ucciso da uno shotgun? sempre ammesso che tu non impazzisca prima e uccida qualcuno a caso eh

credo che tu qua predichi bene e razzoli male... nei gdr NW si deve leggere tutto il manuale e in quelli vecchi no?

inoltre lo vuoi giocare veramente simulazionista e rendere il mondo reale come è scritto? allora prova a girare in città con uno shotgun.... se il master non ti ferma con un poliziotto mentre giri con shotgun o con un candelotto di dinamite allora è il master che sbaglia non le premesse del gioco in se
avatar
Whitedreamer

Età : 37
Data d'iscrizione : 16.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Leandro il Ven Ago 21, 2009 1:45 pm

Whitedreamer ha scritto:
aggiungo per leandro (riguardo al discorso fatto ieri)
H.P Lovecraft
Il Richiamo di Cthulhu
-1 L'orrore d'argilla
-2 Il racconto dell'ispettore Legrasse
-3 La follia Venuta dal Mare

Sei sicuro che siano scritti da Lovecraft questi racconti? Mi citeresti l'anno. Io nella mia serie completa a 4 volumi dei suoi racconti non li trovo. Scusa, ma vorrei esser sicuro...

_________________
Mirò, quasi in teatro od in agone,
l'aspra tragedia de lo stato umano:
i vari assalti e 'l fero orror di morte,
e i gran giochi del caso e de la sorte.

Avatar: Rogier Van der Weyden (1400 circa - giugno 1464) - "San Michele pesa la anime"
particolare dal polittico del "Giudizio universale" (anno 1450-51) - Hotel Dieu, Beaune
avatar
Leandro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Whitedreamer il Ven Ago 21, 2009 1:52 pm

Leandro ha scritto:
Whitedreamer ha scritto:
aggiungo per leandro (riguardo al discorso fatto ieri)
H.P Lovecraft
Il Richiamo di Cthulhu
-1 L'orrore d'argilla
-2 Il racconto dell'ispettore Legrasse
-3 La follia Venuta dal Mare

Sei sicuro che siano scritti da Lovecraft questi racconti? Mi citeresti l'anno. Io nella mia serie completa a 4 volumi dei suoi racconti non li trovo. Scusa, ma vorrei esser sicuro...

Il richiamo di Cthulhu (inglese: The Call of Cthulhu) è uno dei più famosi racconti di Howard Phillips Lovecraft e ha dato il nome al Ciclo di Cthulhu cui si sono ispirati vari altri autori sul filone narrativo horror-fantascientifico che vede sullo sfondo la cosmogonia ideata da Lovecraft stesso negli anni venti - trenta. Il racconto fu scritto nel 1926 e pubblicato per la prima volta nel 1928 su Weird Tales.

per ulteriori info ho citato da qua dove c'è anche la trama
http://it.wikipedia.org/wiki/Il_richiamo_di_Cthulhu

oppure qua in inglese
http://en.wikipedia.org/wiki/The_Call_of_Cthulhu
avatar
Whitedreamer

Età : 37
Data d'iscrizione : 16.03.09

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Fealoro il Ven Ago 21, 2009 1:56 pm

Niente off topic please! Mad
avatar
Fealoro
Admin

Data d'iscrizione : 10.03.09

Visualizza il profilo http://utopia.forumattivo.net

Torna in alto Andare in basso

Re: [Creative Agenda] Simulazionismo, questa strana bestia...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 :: Forum :: Gdr

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum